Archivio | febbraio 2012

Messaggio di Medjugorje 25 febbraio 2012

Messaggio di Medjugorje

Innamorati di Maria / IdM-Famiglia

25 febbraio 2012

Cari figli! In questo tempo in modo particolare vi invito: pregate col cuore. Figlioli, voi parlate tanto ma pregate poco. Leggete, meditate la Sacra Scrittura e le parole scritte in essa  siano per voi vita. Io vi esorto e vi amo perché in Dio troviate la vostra pace e la gioia di vivere. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Annunci

Da “La mistica città di Dio”, puntate su S. Giusepp

Da “La mistica città di Dio”, puntate su S. Giuseppe
 

 

 

Insegnamento della Regina del cielo

Figlia mia, benché tu abbia scritto che il mio sposo Giuseppe è il più nobile fra i santi e i principi della celeste Gerusalemme, tu non puoi adesso manifestare la sua eminente santità, né i mortali possono comprenderla prima di arrivare alla visione di Dio, quando con meraviglia e a lode del Signore stesso diverranno capaci di questo mistero. E nell’ultimo giorno gli infelici dannati piangeranno amaramente per non aver conosciuto, a causa dei loro peccati, questo mezzo così potente ed efficace per la loro salvezza e per non essersene serviti al fine di guadagnarsi l’amicizia del giusto giudice. I figli di questo mondo hanno ignorato i privilegi e le prerogative che il Signore onnipotente concesse al mio santo sposo e quanto valga la sua intercessione presso sua Maestà e presso di me: ti assicuro, infatti, o carissima, che alla presenza dell’Altissimo egli è uno dei più potenti nel trattenere la giustizia divina contro i peccatori.

Voglio che tu sia molto grata al Signore per la sua magnanimità e che tu gli renda lode per la conoscenza e la luce che hai ricevuto di questo mistero. In avvenire, inoltre, procura di crescere nella devozione e nell’amore verso il mio santo sposo e di benedire l’Onnipotente sia per quanto generosamente gli donò, sia per la gioia che io ebbi di conoscerlo. In tutte le tue necessità ricorri alla sua intercessione, invita quanti potrai alla sua devozione e fa’ in modo che le tue religiose vi si distinguano, poiché tutto ciò che il mio sposo domanda in cielo l’Altissimo lo concede sulla terra, e alle sue richieste e parole tiene vincolati grandi e straordinari favori per gli uomini, se essi non si rendono indegni di riceverli. Tali privilegi corrispondono alla candida perfezione di questo ammirevole santo e alle sue eccelse virtù; la divina clemenza, infatti, si piegò ad esse e lo guardò con grande liberalità per concedere ammirabili misericordie a lui e a quelli che si varranno del suo aiuto.

 

 

Festa degli… “innamorati”

 

 

Se sapeste quanto vi amo, piangereste di gioia!


Figlioli cari, se qualcuno viene da voi e vi chiede qualcosa,
voi gliela date.
Ecco: anch’io sto davanti ai vostri cuori e busso, ma molti non si aprono.
Io vorrei tutti voi per me, ma molti non mi accettano.
Pregate perché il mondo accolga il mio amore!
(1 marzo 82)

La festa degli innamorati ?
 La festa degli “Innamorati di Maria” !!

Auguri a tutti !

 Apriamo il cuore alla nostra innamorata, la nostra Mamma celeste e facciamole gli auguri portandole in dono qualcosa di speciale: il nostro cuore.
Auguri a tutti.

Innamorati di Maria

 

Madonna di Lourdes

“O Madre mia, é nel vostro cuore che io vengo ad affidare le angoscie del mio cuore ed attingervi forza e coraggio”.

(Santa Bernardetta: Quaderno delle note intime.p.28)
Giornata internazionale del malato
Docili all’invito della tua voce materna, o Vergine Immacolata di Lourdes, accorriamo ai tuoi piedi presso la grotta, ove Ti degnasti di apparire per indicare ai peccatori il cammino della preghiera e della penitenza e per dispensare ai sofferenti le grazie e i prodigi della tua sovrana bontà.
O candida Visione di Paradiso, allontana dalle menti le tenebre dell’errore con la luce della fede, solleva le anime affrante con il celeste profumo della speranza, ravviva gli aridi cuori con l’onda divina della carità. Fa’ che amiamo e serviamo il tuo dolce Gesù, così da meritare la felicità eterna.
Sia benedetta la Santa ed Immacolata Concezione della Beatissima Vergine Maria, Madre di Dio. Amen.
 

 

 

Ogni giovedì leggete Matteo 6,24-34

Ogni giovedì leggete Matteo 6,24-34
 
IdM-Buona giornata!

 

Ogni giovedì, leggete di fronte al Santissimo Sacramento il passo del Vangelo di Matteo 6,24-34, e se non vi è possibile andare in Chiesa, fatelo nella vostra famiglia (Messaggio dato attraverso Jelena, Medjugorje, 1 marzo 1984)

 


 

VICKA: Noi chiediamo un giorno una cosa, domani un’altra, dopodomani un’altra ancora. La Madonna è più contenta se invece noi ci impegniamo solo a fare la sua volontà. Ai nostri bisogni pensa Lei.” (tratto da “La sofferenza e la gioia”)
 
 
“Nessuno può servire a due padroni: o odierà l’uno e amerà l’altro, o preferirà l’uno e disprezzerà l’altro: non potete servire a Dio e a mammona.
Perciò vi dico: per la vostra vita non affannatevi di quello che mangerete o berrete, e neanche per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita forse non vale più del cibo e il corpo più del vestito?
 
Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, né ammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre.
Non contate voi forse più di loro? E chi di voi, per quanto si dia da fare, può aggiungere un’ora sola alla sua vita?

E perché vi affannate per il vestito? Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano.
Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora se Dio veste così l’erba del  campo, che oggi c’è e domani verrà gettata nel forno, non farà assai più per voi, gente di poca fede?
Non affannatevi dunque dicendo: Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo? Di tutte queste cose si preoccupano i pagani; il Padre vostro celeste infatti sa che ne avete bisogno. Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà gia le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena..”
(Mt 6,24-34)

Un nuovo scisma?

Carissimi,
ci siamo accorti tutti che la SS. Vergine ha ricominciato insistentemente a chiederci di pregare per i Sacerdoti. Lo aveva fatto spesso prima che, nel giugno 2009, il Papa indicesse l’anno sacerdotale. Poi ultimamente, di nuovo, l’appello.
Abbiamo anche visto, in questi trent’anni, che egli appelli della Madonna si sono compresi appieno solo quando i peggiori avvenimenti si sono verificati.
Quando Lei chiede di pregare per i Ministri che Gesù si è scelto tutti pensiamo sempre ai sacerdoti che conosciamo, alle loro carenze o a qualche torto che ci hanno fatto. E invece Lei si sta riferendo a un pericolo terribile che può dilaniare il Corpo Mistico di Cristo, che è la Chiesa, ancora peggio di come non lo sia già, portando altre sofferenze a tutti, noi compresi, visto che ne facciamo parte perché se un Membro soffre, soffre tutto il Corpo.
Vi riporto questo articolo tratto dal serissimo sito www.vaticaninsider.it del 2 febbraio scorso, che spiega cosa sta succedendo.
Preghiamo tutti con grande fervore per tutti i sacerdoti del mondo e per la Santa Chiesa.

VATICAN  INSIDER – Redazione
Roma

Monsignor Helmut Schueller, 59 anni, è un prete austriaco, parroco di St. Stephan nel villaggio di Probstdorf. In passato è stato presidente della Caritas austriaca e vicario generale del cardinale arcivescovo di Vienna Christoph Schoenborn. Finito il sodalizio con il cardinale, nel 2006 lancia l’iniziativa dei parroci, un “appello alla disobbedienza” che chiede, tra l’altro, il sacerdozio femminile, la comunione ai divorziati risposati, l’abolizione dell’obbligo del celibato, l’apertura ai laici. Insomma, riformare la Chiesa. Un recente sondaggio della Gfk-Umfrage ha rilevato che il 72% dei preti austriaci “simpatizza” con l’appello.

Il movimento (www.pfarrer-initiative.at) mette a dura prova la capacità di dialogo del cardinale Schoenborn, porporato molto vicino a Papa Ratzinger, in prima linea nel contrasto alla pedofilia. La settimana scorsa in Vaticano Schoenborn ha incontrato i vertici della Curia romana per affrontare il tema sempre più scottante dei “disobbedienti”. Segno che il Papa tedesco è particolarmente sensibile ad una protesta ecclesiastica che nasce proprio nel suo mondo germanico. E che, ormai, si estende in diversi paesi del mondo. Hanno già aderito alla iniziativa dei parroci tedeschi “600 preti irlandesi”, e poi sacerdoti in “Germania, Francia, Slovacchia, Australia, Stati Uniti, Africa e America Latina”.

Il prelato è soddisfatto che ci sia stata una riunione in Vaticano sulla Pfarrer-Initiative. “Lo abbiamo appreso dai mass media, non ne eravamo a conoscenza. E’ positivo che il Vaticano si confronti con la nostra proposta. Speriamo che anche i vescovi austriaci prendano in considerazione le nostre richieste”, afferma Schueller.

A dare notizia per primo della riunione in Vaticano, avvenuta il 23 gennaio, è stato il giornalista Guido Horst su ‘Vatican Insider’, secondo il quale “Papa Benedetto è preoccupato per la ribellione dei parroci in Austria. Il colloquio di lunedì scorso si è svolto in un ambiente circondato dalla massima riservatezza. Si vorrebbe evitare di dare l’impressione che sono sempre Roma e il Vaticano a prendere provvedimenti contro i caporioni”.

Alla riunione hanno preso parte, oltre a Schoenborn, i vescovi di Salisburgo (Alois Kothgasser), Graz (Egon Kapellari) e St. Poelten (Klaus Kueng), e poi esponenti della Segreteria di Stato e delle congregazioni per la Dottrina della fede, per i Vescovi e per il Clero. La notizia è stata poi confermata dall’ufficio stampa di Schoenborn, che sinora ha evitato misure canoniche sanzionatorie contro i preti ribelli. E proprio a Vienna oggi la diocesi ha dato notizia della prossima pubblicazione di un volume del teologo viennese Jan-Heiner Tueck che contiene, tra l’altro, contributi di Schoenborn e Schueller.

Il leader dei preti ribelli, intanto, non teme la scomunica né vuole lo scisma. “Non posso immaginare una scomunica. Il nostro movimento ha una base così ampia che non riesco a pensare che si possa risolvere tutto con una sanzione”, spiega Schueller  al telefono dall’Austria. Quanto all’ipotesi scisma, prospettata in passato da Schoenborn, “noi chiediamo un rinnovamento della Chiesa ma vogliamo rimanere dentro.

Sono i nostri critici che ci dicono che dobbiamo andarcene e che se sosteniamo certe tesi allora non apparteniamo alla Chiesa”. Mons. Schueller spera che la Conferenza episcopale austriaca apra un “dialogo teologico” con il movimento della ribellione. “Noi abbiamo sempre parlato in modo aperto, vorremmo confrontarci, ma non siamo mai stati invitati ad un incontro. Il cardinale Schoenborn ha parlato con alcuni rappresentanti viennesi del nostro movimento, ma non c’è ancora stato un dialogo teologico strutturato tra noi e la Conferenza episcopale”.

Nel frattempo, però, il movimento cresce. In Irlanda, in particolare, la Association of Catholic Priests (www.associationofcatholicpriests.ie) è cresciuta in seguito all’esplodere dello scandalo pedofilia nell’isola. E anche in Francia il gruppo “per una vera obbedienza al Vangelo” sta raccogliendo consensi (sapafrance.canalblog.com).

“Non vogliamo creare un movimento, ogni Chiesa ha la sua particolarità geografica – spiega Schueller – ma intendiamo mettere in rete gruppi che pongono questioni simili. Poi forse faremo un incontro tra rappresentanti dei diversi gruppi”. E se incontrasse il Papa cosa gli direbbe? “Non so quanto la posizione del Vaticano dipenda dal Papa, forse poco”, risponde Schueller. “Noi auspichiamo che il Vaticano, e i vescovi, si confrontino con la nostra richiesta di riforme”.

Mistero della Verginità di Maria

Il Creatore ha compiuto una Opera Nuova quando si è rivelato ai nostri occhi. Ha preso carne nel seno di una vergine risparmiandola nella sua integrità , per questo, in vista di questa meraviglia, cantiamo:
Rallegrati… Fiore dell’essere inalterabile di Dio
Rallegrati… Corona del suo amore verginale
Rallegrati… Figura che risplende per la Resurrezione del Signore
Rallegrati… Tu dividi con gli angeli la luce del Reame
Rallegrati… Albero del cui splendido frutto si nutrono i credenti
Rallegrati… Fogliame la cui ombra procura freschezza alle moltitudini
Rallegrati… Tu partorisci il riscatto dei derelitti
Rallegrati… Tu porti nelle tue carni la Guida degli smarriti
Rallegrati… Nostro avvocato presso il Giudice giusto e buono
Rallegrati… in Cui giunge il perdono per le moltitudini
Rallegrati… Tunica di speranza per coloro che sono nudi
Rallegrati… Amore più forte di tutti i desideri
Rallegrati… Sposa non violata
Quando contempliamo questo parto insolito dobbiamo uscire dal nostro mondo abituale e il nostro spirito si volge verso le realtà che stanno al di sopra di noi. Poiché l’Altissimo si è rivelato agli uomini, abbassandosi per innalzare coloro che credono in Lui:
Alleluia, alleluia, alleluia !

Inno Acatista alla Madre di Dio
Attribuito a Romanos il Melode (+ 560)

Immagine