Archivio | luglio 2012

Il Perdono di Assisi: dal mezzogiorno del 1° agosto alla mezzanotte del 2 agosto

 

Il Perdono di Assisi

 

Innamorati di Maria / IdM-Famiglia

 

Ricordiamoci che dal mezzogiorno del 1° agosto, alla mezzanotte del 2 agosto, si puo’ lucrare l’indulgenza plenaria di Assisi!
Organizziamo le nostre prossime giornate per ottenere l’indulgenza:
 CONDIZIONI PER RICEVERE L’INDULGENZA PLENARIA DEL PERDONO DI ASSISI, (per sé o per i defunti)
Confessione sacramentale per essere in grazia di Dio (negli otto giorni precedenti o seguenti il 1° e il 2 agosto);
Partecipazione alla Messa e Comunione eucaristica il 1° o 2 agosto;
Visita ad una chiesa francescana o parrocchiale nel 1° o 2 agosto, dove si rinnova la professione di fede, mediante la recita del CREDO per riaffermare la propria identità cristiana; la recita del PADRE NOSTRO, per riaffermare la propria dignità di figli di Dio ricevuta nel Battesimo; Una preghiera secondo le intenzioni del Papa, per riaffermare la propria appartenenza alla Chiesa, il cui fondamento e centro visibile di unità è il Romano Pontefice.
COME SAN FRANCESCO CHIESE ED OTTENNE L’INDULGENZA DEL PERDONO 
 
Una notte dell’anno del Signore 1216, Francesco era immerso nella preghiera e nella contemplazione nella chiesetta della Porziuncola, quando improvvisamente dilagò nella chiesina una vivissima luce e Francesco vide sopra l’altare il Cristo rivestito di luce e alla sua destra la sua Madre Santissima, circondati da una moltitudine di Angeli. Francesco adorò in silenzio con la faccia a terra il suo Signore!
Gli chiesero allora che cosa desiderasse per la salvezza delle anime. La risposta di Francesco fu immediata: “Santissimo Padre, benché io sia misero e peccatore, ti prego che a tutti quanti, pentiti e confessati, verranno a visitare questa chiesa, conceda ampio e generoso perdono, con una completa remissione di tutte le colpe”.
“Quello che tu chiedi, o frate Francesco, è grande – gli disse il Signore -, ma di maggiori cose sei degno e di maggiori ne avrai. Accolgo quindi la tua preghiera, ma a patto che tu domandi al mio vicario in terra, da parte mia, questa indulgenza”.
 E Francesco si presentò subito al Pontefice Onorio III che in quei giorni si trovava a Perugia e con candore gli raccontò la visone avuta. Il Papa lo ascoltò con attenzione e dopo qualche difficoltà dette la sua approvazione. Poi disse: “Per quanti anni vuoi questa indulgenza?”. Francesco scattando rispose: “Padre Santo, non domando anni, ma anime”. E felice si avviò verso la porta, ma il Pontefice lo chiamò: “Come, non vuoi nessun documento?”. E Francesco:”Santo Padre, a me basta la vostra parola! Se questa indulgenza è opera di Dio, Egli penserà a manifestare l’opera sua; io non ho bisogno di alcun documento, questa carta deve essere la Santissima Vergine Maria, Cristo il notaio e gli Angeli i testimoni”. E qualche giorno più tardi insieme ai Vescovi dell’Umbria, al popolo convenuto alla Porziuncola, disse tra le lacrime: “Fratelli miei, voglio mandarvi tutti in Paradiso!”.
L’INDULGENZA SECONDO IL CATECHISMO
I peccati non solo distruggono o feriscono la comunione con Dio, ma compromettono anche l’equilibrio interiore della persona e il suo ordinato rapporto con le creature. Per un risanamento totale, non occorrono solo il pentimento e la remissione delle colpe, ma anche ma riparazione del disordine provocato, che di solito continua a sussistere. In questo impegno di purificazione il penitente non è isolato. Si trova inserito in un mistero di solidarietà, per cui la santità di Cristo e dei santi giova anche a lui. Dio gli comunica le grazie da altri meritate con l’immenso valore della loro esistenza, per rendere più rapida ed efficace la sua riparazione.
La Chiesa ha sempre esortato i fedeli a offrire preghiere, opere buone e sofferenze come intercessione per i peccatori e suffragio per i defunti. Nei primi secoli i vescovi riducevano ai penitenti la durata e il rigore della penitenza pubblica per intercessione dei testimoni della fede sopravvissuti ai supplizi. Progressivamente è cresciuta la consapevolezza che il potere di legare e sciogliere, ricevuto dal Signore, include la facoltà di liberare i penitenti anche dei residui lasciati dai peccati già perdonati, applicando loro i meriti di Cristo e dei santi, in modo da ottenere la grazia di una fervente carità. I pastori concedono tale beneficio a chi ha le dovute disposizioni interiori e compie alcuni
atti prescritti. Questo loro intervento nel cammino penitenziale è la concessione dell’indulgenza.
(C.E.I., Catechismo degli adulti, n. 710)

 

 

Annunci

Offerta delle sette Effusioni del Preziosissimo Sangue

 

Offerta delle sette Effusioni del Preziosissimo Sangue


Queste sette preghiere di offerta del preziosissimo Sangue di Gesù sono state composte con parole tratte dagli scritti della Serva di Dio Madre Maria Costanza Zauli.

Il Signore disse a Madre Costanza Zauli:”Il Sangue di Cristo presentato  dalle mani e dal Cuore di Maria vostra Madre, vi otterrà, dalla bontà del Padre, clemenza e ampia effusione di misericordia, che annienterà vittoriosamente tutti i piani dell’inferno, con questa offerta Egli effonderà continuamente un onda santificatrice; il Sangue preziosissimo di Cristo ecco la leva potente, che ci rimane per risollevare l’umanità dall’abisso, con esso si avranno veri miracoli di misericordia sui peccatori”. La stessa Madre Costanza incoraggiava tutti a questa devozione diceva spesso: “Offriamo spesso il Sangue di Gesù all’eterno Padre, che forza ha questo Sangue!  Sappiamo unire al suo grido potente il nostro grido di fede e amore per ottenere pietà e misericordia a questa povera umanità sofferente!”. Un giorno la Madonna le disse: “Aiutami, figlia mia, per darmi sempre qualcosa in favore delle anime del  Purgatorio, offri spesso il Sangue preziosissimo del mio Gesù, unendoti alle Sante Messe che di continuo si celebrano sugli altari del mondo.


Prima effusione del Sangue di Gesù nella sua circoncisione

O Trinità adorabile, per le mani di Maria corredentrice, ti offriamo il Sangue preziosissimo di Gesù, scaturito nella sua circoncisione, in rendimento di grazie per il dono della redenzione, e ti preghiamo di essere fedeli alla Tua santa Legge d’amore e per ottenere grazia, misericordia e pace a tutti i popoli della terra. Gloria al Padre

“Ma se camminiamo nella luce, come egli è nella luce, siamo in comunione gli uni con gli altri, e il sangue di Gesù, suo Figlio, ci purifica da ogni peccato” (1 Gv, 1,7)

Seconda effusione del Sangue di Gesù nell’agonia del Getsemani

Padre misericordioso, per i meriti infiniti del preziosissimo Sangue che il Tuo Figlio Gesù effuse nell’agonia del Getzemani, ti preghiamo, fa che, in comunione con Lui e con la sua Madre SS, ci pieghiamo silenziosamente ad adorare ogni espressione della Tua Volontà, per adempierla con amore. Gloria al Padre

“Dio lo ha prestabilito a servire come strumento di espiazione per mezzo della fede, nel suo sangue, al fine di manifestare la sua giustizia” (Rm 3,25a)
                  

Terza effusione del Sangue di Gesù nella Sua flagellazione

Signore Gesù, nostro Dio e Salvatore, ti preghiamo: purificaci nel Sangue preziosissimo da Te sparso nella Tua flagellazione e concedici di penetrare, con la Madre Tua, le profondità della Tua Passione interiore e di offrirti i nostri cuori amanti, nei quali ti possa riposare e trovare balsamo alle tue ferite. Gloria al Padre

“(Quelli che sono vestiti di bianco) sono coloro che sono passati attraverso la grande tribolazione e hanno lavato le loro vesti rendendole candide col sangue dell’Agnello” (cf. Ap 7,14)

Quarta effusione del Sangue di Gesù nella coronazione di spine

Padre santo, ti offriamo il Sangue preziosissimo che il tuo Figlio divino effuse nella Sua coronazione di spine e ti chiediamo di rivestire degli splendori della tua santità i tuoi sacerdoti, affinché colmi di Spirito Santo, portino in tutte le anime il fuoco della tua divina carità: che è lo spirito genuino di Gesù Cristo Signore nostro. Gloria al Padre

A Colui che ci ama e ci ha liberati dai nostri peccati con il suo sangue, che ha fatto di noi un regno di sacerdoti per il suo Dio e Padre, a lui la gloria e la potenza nei secoli dei secoli. Amen. (Ap 1, 5b-6)

Quinta effusione del Sangue di Gesù nella salita al calvario.

Dio di bontà infinita, ti preghiamo affinché il sangue che Gesù sparse nella salita al calvario scenda su tutti noi come onda purificatrice, rigeneratrice, santificatrice. Da questo Sangue possiamo attingere la forza di seguire le orme del Tuo Figlio sulla via dolorosa, per ottenere, uniti a lui, torrenti di grazia e fiumi di misericordia per tutti. Gloria al Padre

“(Nel Figlio diletto di DIo) abbiamo la redenzione mediante il suo Sangue” (cf. Ef. 1,6)

Sesta effusione del Sangue di Gesù nella sua crocifissione

O Trinità santissima, in unione alla Vergine addolorata, ti offriamo il Sangue prezioso che Gesù sparse nella sua crocifissione, per adorarti, ringraziarti, riparare i peccati che si commettono, e per intercedere tutte le grazie di cui abbiamo bisogno. Ti chiediamo in particolare di saperti donare amore per amore, nella soavità di un sacrificio ma i sospeso, come umile cooperazione all’opera della salvezza. Gloria al Padre

Voi sapete che non a prezzo di cose corruttibili, come l’argento e l’oro, foste liberati dalla vostra vuota condotta ereditata dai vostri padri, ma con il sangue prezioso di Cristo, come di agnello senza difetti e senza macchia. (1 Pt 1, 18-19)

Settima effusione del Sangue di Gesù nella ferita al Costato.

Signore Gesù Cristo, mite agnello immolato, ti preghiamo umilmente: dal tuo Cuore trafitto sulla croce, da cui sgorgarono Sangue e Acqua per la nostra salvezza, effondi in noi il tuo Spirito d’amore, affinché possiamo amarci come tu ci ami ed essere una cosa sola con Te nel Padre e fra noi. Gloria al Padre     

“Questi è colui che è venuto con acqua e sangue, non con acqua soltanto, ma con l’acqua e con il sangue” (1 Gv 5,6).

Breve Coroncina del Preziosissimo Sangue

Il servo di Dio Mons. Francesco Alber­tini, per meglio promuovere la devozione al Prezzo della nostra redenzione, fondò la Confraternita del Prez.mo Sangue. Mentre ne scriveva gli Statuti, nel conven­to delle Paolotte in Roma, si udirono urla e strepiti in tutto il monastero. Alle consorelle spaventate, suor Maria Agnese del Verbo Incarnato disse: «Non temete: è il demonio che si arrabbia, perché il no­stro confessore sta facendo cosa che gli di­spiace assai». L’uomo di Dio stava scrivendo la «Co­roncina del Prez. Sangue». Il maligno su­scitò in lui tanti scrupoli che stava per di­struggerla quando la stessa santa suora, ispirata da Dio, vedendolo esclamò: «Oh! che bel regalo ci portate, padre!». «Qua­le?» disse meravigliato l’Albertini, che a nessuno aveva confidato di aver scritto quelle preghiere. «La Coroncina del Prez.mo Sangue», rispose la suora. «Non la distruggete, perché sarà diffusa in tutto il mondo e farà molto bene alle anime». E fu così. Anche i più ostinati peccatori non resistevano quando durante le sante Missioni, si svolgeva la commoventissima funzione delle «Sette Effusioni». L’Albertini fu eletto Vescovo di Terra­cina, dove morì santamente.
 
 

Breve Coroncina del Preziosissimo Sangue

Gesù versa Sangue nella circoncisione

O Gesù Bambino, col primo San­gue versato per la nostra salvezza, ci riveli il valore della vita e il dovere di affrontarla con fede e coraggio, nella luce del tuo Nome e nella gioia della Grazia. Pater e 5 Gloria

Ti supplichiamo, o Signore, di soccorrere i tuoi figli, che hai redenti con il tuo Sangue prezioso.

 

Gesù versa Sangue nell’orto degli ulivi

O Figlio di Dio, il tuo sudore di Sangue nel Getsemani, susciti in noi l’odio al peccato, l’unico vero male che ci ruba il tuo amore e rende triste la nostra vita. Pater e 5 Gloria

Ti supplichiamo, o Signore, di soccorrere i tuoi figli, che hai redenti con il tuo Sangue prezioso.

 

Gesù versa Sangue nella flagellazione

O Maestro divino, il Sangue della flagellazione ci sproni ad amare la purezza per vivere nell’intimità della tua amicizia e contemplare con occhi limpidi le meraviglie del creato. Pater e 5 Gloria

Ti supplichiamo, o Signore, di soccorrere i tuoi figli, che hai redenti con il tuo Sangue prezioso.

 

Gesù versa Sangue nella coronazione di spine

O Re dell’universo, il Sangue della coronazione di spine distrugga il no­stro egoismo e il nostro orgoglio, per­ché possiamo servire in umiltà i fratel­li bisognosi e crescere nel tuo amore. Pater e 5 Gloria

Ti supplichiamo, o Signore, di soccorrere i tuoi figli, che hai redenti con il tuo Sangue prezioso.

 

Gesù versa Sangue nel viaggio al calvario

O Salvatore del mondo, il Sangue versato sulla via del Calvario, illumini il nostro cammino e ci aiuti a portare la croce con te, per completare in noi la tua passione. Pater e 5 Gloria

 

Ti supplichiamo, o Signore, di soccorrere i tuoi figli, che hai redenti con il tuo Sangue prezioso.

 

Gesù versa Sangue nella crocifissione

O Agnello di Dio, immolato per noi, insegnaci il perdono delle offese e l’amore ai nemici. E tu, Madre del Signore e nostra, rivelaci la potenza e le ricchezze del Sangue prezioso. Pater e 5 Gloria

Ti supplichiamo, o Signore, di soccorrere i tuoi figli, che hai redenti con il tuo Sangue prezioso.

 

Gesù versa Sangue nella lanciata al Cuore

O Cuore adorabile, trafitto per noi, accogli le nostre preghiere, le attese dei poveri, le lacrime dei sofferenti, le speranze dei popoli, perché tutta l’u­manità si riunisca nel tuo regno d’amore, di giustizia e di pace. Pater e 3 Gloria

Ti supplichiamo, o Signore, di soccorrere i tuoi figli, che hai redenti con il tuo Sangue prezioso.

 

Per la recita della Coroncina si usa anche la coro­na con grani rossi. Questa è composta di 7 poste, quanti sono i Misteri, 5 grani per i Gloria ed uno per il Pater. Nell’ultimo Mistero, invece, i Gloria sono soltanto 3 e si recita con i 3 grani vicini al crocifissetto.


Messaggio di Medjugorje: 25 luglio 2012

 

Messaggio di Medjugorje

Innamorati di Maria / IdM-Famiglia

 
25 luglio 2012

“Cari figli! Oggi vi invito al bene. Siate portatori di pace e di bontà in questo mondo. Pregate che Dio vi dia la forza affinché nel  vostro cuore e nella vostra vita regnino sempre la speranza e la fierezza perché siete figli di Dio e portatori della Sua speranza in questo mondo che è senza gioia nel cuore e senza futuro perché non ha il cuore aperto verso Dio, vostra salvezza. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

 

S. Brigida di Svezia

 

 

S. Brigida di Svezia
Innamorati di Maria
 

S. Brigida
Finsta, Uppsala, (Svezia), giugno 1303 – Roma, 23 luglio 1373

Patronato: Svezia, Europa (Giovanni Paolo II, 1/10/99)

Etimologia: Brigida (come Brigitta) = alta, forte, potente, dall’irlandese

Martirologio Romano: Santa Brigida, religiosa, che, data in nozze al legislatore Ulfo in Svezia, educò nella pietà cristiana i suoi otto figli, esortando lo stesso coniuge con la parola e con l’esempio a una profonda vita di fede. Alla morte del marito, compì numerosi pellegrinaggi.
Fondatrice dell’ Ordine Brigidino di San Salvatore. Nata nell’anno 1303 in Svezia e morta a Roma il 23 luglio 1373.
A Santa Brigida desiderosa da molto tempo di sapere il numero dei colpi che N.S. Gesù Cristo aveva ricevuto durante la sua Passione, apparve Gesù che le disse: “Figlia mia, ho ricevuto sul mio corpo 5480 colpi. Se tu vorrai onorarli, dirai ogni giorno 15 pater e 15 Ave con le orazioni seguenti che ti do, durante un anno. Trascorso un anno tu avrai salutato ognuna delle mie Piaghe“. Santa Brigida scrisse: “Mio amatissimo fratello, io ero immersa nelle più grandi amarezze della vita. Il dolore la malattia, la povertà, l’abbandono, mi affliggevano. Con amore, ogni sera ha letto queste Orazioni, e la mia vita si è miracolosamente trasformata, e il Signore fedele alle sue promesse mi ha colmata di gioia, di benessere, di ricchezza e di consolazioni. Quello che Gesù ha fatto per me, miserabile peccatrice, lo farà per te, mio amato fratello. Leggi ogni giorno queste orazioni”

 


Orazioni e promesse.

Sono da recitarsi per un anno intero senza interruzione.

Promesse per chi reciterà queste orazioni :

1. Libererà dal Purgatorio 15 anime della sua stirpe.

2. E 15 giusti della sua stirpe saranno confermati e conservati in grazia.

3. E 15 peccatori della sua stirpe si convertiranno.

4. La persona che le dirà avrà il primo grado di perfezione.

5. E 15 giorni prima di morire riceverà il mio prezioso Corpo, di modo che sarà liberata dalla fame eterna e berrà il mio Prezioso Sangue perché‚ non abbia sete eternamente.

6. E 15 giorni prima di morire avrà una amara contrizione di tutti i suoi peccati e una perfetta conoscenza di essi.

7. Metterà il segno della mia croce Vittoriosa davanti a lei per soccorrerla e difenderla contro gli attacchi dei suoi nemici.

8. Prima della sua morte io verrò a lei con la mia amatissima e dilettissima Madre.

9. E riceverò benignamente la sua anima e la condurrò alle gioie eterne.

10. E conducendola fino là, le darò con singolare tratto a bere alla fonte della mia Deità , ciò che non farò con quelli che non hanno recitato queste orazioni.

11. Perdonerò tutti i peccati a chiunque è vissuto per 30 anni in peccato mortale se dirà devotamente queste orazioni.

12. E lo difenderò dalle tentazioni.

13. E gli conserverò i suoi cinque sensi

14. E lo preserverò dalla morte improvvisa

15. E salverò la sua anima dalle pene eterne.

16. E la persona otterrà tutto quello che domanderà a Dio e alla Vergine Maria.

17. E se è vissuto, sempre secondo la sua volontà e se è dovuto morire l’ indomani , la sua vita si prolungherà.

18. Tutte le volte che reciterà queste orazioni guadagnerà indulgenze.

19. Sarà sicura di essere aggiunta al coro degli Angeli.

20. E chi insegnerà queste orazioni ad un altro, avrà gioia e merito senza fine che saranno stabili in terra e dureranno eternamente in Cielo.

21. Dove sono e saranno dette queste orazioni, Dio è presente con la sua Grazia.


Potete trovare le 15 orazione di Santa Brigida nel seguente link:

 

__

NOVENA AL SANGUE SPARSO Composta dal Ven. Servo di Dio P. Bartolome

 

NOVENA AL SANGUE SPARSO

 Composta dal Ven. Servo di Dio P. Bartolomeo da Saluzzo 

AVVISO DEL VEN. SERVO DI DIO P. BARTOLOMEO DA SALUZZO

SAPPIATE di certo, fratelli, che non sarà cosa alcuna lecitamente domandata da chic­chessia, dicendo la seguente orazione, che non sia esaudita; siate sicuri, fratelli e figliuoli miei, che otterrete quello che vorrete; anzi vi dico, che oltre la suddetta orazione in qualunque vostra necessità, se volete impegnare tutto il Cielo, tutti i Santi, tutti gli Angeli, Maria, Gesù Cristo stesso, che più? lo stesso Iddio, Padre, Figliuolo e Spirito Santo, se gridando verso il Cielo direte: O Padre, o Figliuolo, o Spirito Santo, o Santissima Trinità, o Gesù, o Maria; o Santi e Sante del Paradiso, questa grazia domando per il Sangue di Cristo, siate sicuri che se perseverete gridando, muovere­te i Santi, piegherete tutti gli Spiriti Celesti, commuoverete il cuore di Maria e riceverete la grazia, che umilmente domanderete; e ciò si può fare ogni ora, ogni giorno, in ogni luogo e tempo, e col cuore, e colla bocca come richiederà la necessità in cui vi trovate.

Se poi la vostra necessità e bisogno non ri­chiede tanta strettezza di tempo, potrete va­lervi dell’Orazione seguente, da recitarsi per nove giorni continui avanti un’immagine della SS,ma Vergine, con fare il primo ed ultimo giorno la S. Comunione a gloria di Dio e di Maria Ss.ma, offerendola alla medesima in me­moria della Passione e Sangue Preziosissimo di Gesù; e se per qualche motivo non poteste comunicarvi . nei predetti due giorni, cerche­rete di farlo in qualche giorno della Novena, ovvero l’ultimo giorno solamente: e se pur questo giorno vi venisse impedito, almeno ogni giorno prima dell’Orazione non lasciate di pre­parar l’anima vostra nella forma che segue per ben disporvi a ricevere la grazia, che la Sua Divina Maestà e la Vergine Maria ve la concedano.

Per prepararvi adunque a questo santo E­sercizio dell’Orazione, la prima cosa che si ricerca è l’intenzione, quale deve essere prin­cipalmente per gloria di Dio, di Maria Ss.ma, di tutta lo Corte Celeste, per salute dell’anima vostra e del prossimo, per sollevare d’Anime del Purgatorio e poi per chiedere per sè,- e per altri le cose necessarie all’anima, e al corpo ecc, infine direte come segue:

 

Nel nome del Padre e del Figlio e della Spirito Santo. Amen. 

FORMULA DI PREPARAZIONE O INTENZIONE

O IMMENSA ed eterna maestà di Dio, SS.ma Trinità: Padre, Figliuolo e Spirito Santo, io umilissima creatura vostra, vi adoro, onoro, confesso; e vi lodo con il maggiore ossequio ed affetto, che voi in­tendete potersi fare da tutte le vostre crea­ture, ed alla vostra presenza Divina, e di Maria Santissima Vergine Immacolata, Re­gina del Cielo, del mio Angelo Custode, dei miei Santi Avvocati N.N. e di tutta la Corte celeste, protesto che questa mia orazione e petizione, che sono per fare alla pietosa e misericordiosa Vergine Maria per i meriti del Prezioso Sangue di Gesù, in­tendo di farla con retta intenzione, e principàlmente per gloria, lode ed onore di Ma­ria SS.ma e di tutta la Corte celeste, per salute dell’anima mia, e dei miei prossi­mi, per sollevare ed aiutare tutte le anime del Purgatorio, per le quali l’applico an­cora in modo di suffragio, e in particolare per i miei presenti bisogni dell’anima e del corpo e per liberarmi dalle angoscie e travagli in cui mi trovo.

Pertanto spero da Voi, mio Dio, som­mo bene, e dalla Vergine pietosissima di conseguire la grazia che umilmente richie­do, domandandola solamente per il merito infinito del Preziosissimo Sangue di Gesù, e non per merito mio: riconoscendomi mi­serabile peccatore, indegnissimo di stare alla presenza vostra e a quella della Regina degli Angeli Maria Santissima, ritrovando­mi pieno di miserie e di peccati.

Ma che posso far io nello stato presente in cui mi trovo, se non che confessare a Voi, p mio Dio, tutte le mie scelleraggi­ni, e tutti i miei peccati commessi dal prin­cipio del mio essere sino all’ora presente, di tutti in generale, e di ciascuno in par­ticolare domandandovene misericordia e perdono per il Sangue di Gesù? Sì, sì, .mio Dio, me ne pento, e me ne dolgo di vero cuore, non per timore dell’inferno, ma so­lamente per avere offeso Voi, sommo be­ne, e perciò ve ne domando misericordia e perdono, proponendo fermamente di con. fessarmi quanto prima e di pentirmi di-­nuovo a piè di un vostro Ministro nel S. Tribunale della Penitenza, con vero do­lore e contrizione di tutti i miei peccati, che vi prego di volermelo concedere per vo­stra pietà e misericordia, e per il Prezio­sissimo Sangue di Gesù sparso per la nostra redenzione, avendo intenzione di farne la dovuta penitenza, con proposito fermo di non offendervi mai più per l’avvenire col vostro santo aiuto, con la vostra santa gra­zia. Amen. 

Sotto la tua protezione ci rifugiamo, o Santa Madre di Dio: non disdegnare le pre­ci che t’innalziamo nella necessità, ma sal­vaci sempre da tutti i pericoli, o Vergine gloriosa e benedetta. 

Fatto ciò, vi rivolgerete alla Santissima Vergine, e darete principio alla Novena, sa­lutando e benedicendo tutti i suoi santi sensi nella forma che segue.

 

NOVENA DEL SANGUE SPARSO

O Dio, vieni in mio aiuto. Signore, affrèttati a soccorrermi. Gloria al Padre, ecc.

Tutta bella sei, o Maria, e macchia originale non è in Te ».

Bellissima, e senza macchia alcuna, sie­te purissima, Vergine Maria, Regina del Cielo, Imperatrice degli Angeli, Signora del mondo, e Madre di Dio, per ciò vi onoro, e vi saluto, e siate per sempre be­nedetta.

Sia benedetto il vostro capo pieno di sapienza celeste; siano benedetti i vostri capelli, che mostrano i bellissimi pensieri della.vostra santa mente; siano benedetti i vostri graziosissimi occhi, coi quali ve­deste per prima, il vero Figlio di Dio; sia­no benedette le vostre guancie, quali furono toccate e baciate da Gesù, Figliuolo di Dio; sia benedetta la vostra Ss,ma lin­gua, che meritò, la prima, dopo l’Angelo di nominare il Santissimo Nome di Gesù. Mano benedette le vostre orecchie, che meritarono, le prime, dalla bocca dell’Angelo sentire nominare il Santissimo Nome di Gesù; sia benedetto il vostro collo che fu più volte cinto e stretto dalle tenere brac­cia del pargoletto Gesù; siano benedette le vostre mammelle, che meritarono di es­sere succhiate dalle divine labbra del Bam­bino Gesù; sia benedetto il vostro seno, al quale più volte vi stringeste il dolcissimo Gesù; siano benedette le vostre braccia, che strinsero e portarono il dolcissimo Ge­sù; siano benedetti i vostri piedi, che tanti passi fecero per amore di Gesù; sia bene­detto il vostro purissimo e verginale grem­bo, che meritò portare Gesù, altissimo Fi­gliuolo di Dio; siano benedette le vostre viscere, che per nove mesi furono santificate dalla presenza di Gesù.

O Maria, o Maria, a Voi ricorro; Voi invoco, Santissima Vergine Maria; aiutate­mi, dolcissima Madre di Dio; aiutatemi, Imperatrice del Paradiso; aiutatemi, pie­tosissima Madre ed avvocata dei peccatori, ed in particolare avvocata mia, aiutate me più di tutti peccatore vilissimo; aiutatemi, Madre del Mio dolcissimo Gesù. E come si può meglio commuovere il Vostro cuore e forzarvi ad impetrarmi quello che vi do­mando, quanto che mostrarvi (come in­tendo di fare) il Crocifisso vostro Figliuo­lo, ed additarvi le sue sante Piaghe, nar­rarvi i suoi dolori, raccontarvi le sue pe­ne, mostrarvi la corona che gli cinse il divin capo, i flagelli che gli strapparono l’innocentissimo corpo, i chiodi che gli tra­fissero le mani ed i piedi, il velo con cui fu velato, il fiele con cui fu abbeverato, la lancia con cui fu aperto il petto dopo morto alla vostra presenza, o Maria? E chi vuole da voi in fin lo stesso Cielo, con che maniera lo può ottenere meglio, quanto che scongiurarvi (come intendo fare) per le percosse, per gli sputi, le bestemmie, vituperi, ingiurie, scherni e villanie, che patì per noi il vostro dolce Figlio Gesù? Dunque se non vi è cosa che a voi si domanda in virtù della Passione di Gesù Cristo, che da voi non si ottenga con vi­va fede io vi prego, e voglio in virtù della Passione di Gesù, che mi concediate la grazia che sono per domandarvi; e spe­cialmente la voglio per il vivo Sangue, che sparse per noi in Croce alla presenza vo­stra; la voglio per quel Sangue preziosis­simo che gli vedeste scorrere giù per gli occhi e per il delicato viso; sì, per quel Sangue santissimo, concedetemela, non me la potete negare; rispondetemi, Vergine Maria, che io vi prego, e vi scongiuro .per quel vivo Sangue; né cesserò mai di gridare a Voi, finché non sia esaudito: O Madre di Misericordia, io sono più che sicuro di ottenere questa grazia da Voi benché grande, mentre ve la chiedo per il valore infinito del Preziosissimo Sangue del vostro Divino e dilettissimo Figliuolo Gesù: con questa fiducia in cuore mi ac­cingo a domandarvela, pregandovi volermi esaudire.

(Qui domanderai la grazia che desideri, poi dirai come segue). 

1. Ve la domando, Madre Santissima, per quel puro; innocente, e benedetto San­gue che Gesù, vostro Figliuolo, versò e sparse in quella tenera età di soli otto gior­ni, nella sua. circoncisione. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

2. Ve la chiedo, o Maria Santissima, per quel puro, innocente e benedetto San­gue che Gesù, vostro Figliuolo, in abbon­danza versò da tutto il suo SS. Corpo, e in particolare dalla divina faccia nell’ago­nia dell’Orto, e che cadendogli giù per le vesti asperse la terra, i sassi, e l’erba di quel troppo felice e fortunato Orto. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

3. Ve ne prego, Maria Santissima, per quel puro, innocente e benedetto San­gaie che Gesìi, vostro Figliuolo, versò e sparse per tutta la strada, quando dall’Or­to fu portato legato in Gerusalemme alla casa dei Pontefici. Ave Maria, ecc.,

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito..

 

4. Ve ne supplico, Maria Santissima, per quel puro, innocente e benedetto San­gue che Gesù, vostro Figliuolo, versò e sparse, quando fu percosso nella guancia, e quando in casa di Caifa, empio ponte­fice, fu tutta la notte vilmente trattato, battuto e flagellato. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

5. Ve ne prego e scongiuro, Madre Santissima, per quel puro, innocente, e be­nedetto Sangue che Gesù, vostro Figliuolo, da per tutto versava, quando fu portato qual malfattore da Caifa a Pilato, da Pilato ad Erode, e da Erode a Pilato. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

6. Ottenetemela, Maria Santissima, per quel puro, innocente, e benedetto San­gue che Gesù, vostro Figliuolo, versò e sparse in abbondanza, quando fu spogliato, legato alla colonna ed aspramente flagellato. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le ferite e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

7. Consolatemi, Madre Santissima, per quel puro, innocente, e benedetto San­gue che Gesù, vostro Figliuolo, versò e sparse dal suo SS. Corpo, scorrendogli giù dagli Occhi e per il Volto, quando fu cinto e coronato di pungentissime spine. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

8. Ve la domando, Maria Santissima, per quel puro, innocente, e benedetto Sangue che Gesù, vostro Figliuolo, versò e sparse da tutto il Suo Santissimo Cor­po nella Corte, Pretorio, e sede del Pa­lazzo di Pilato, quando fu condannato ad essere Crocifisso. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

9. Ve la chiedo, Maria Santissima, per quel puro, innocente, e benedetto San­gue che Gesù, vostro Figliuolo, versò e. sparse per tutta la strada, quando lo con= ducevano al Calvario sotto la gran Croce, e specialmente per quel vivo Sangue misto colle vostre lacrime che spargeste, allorché vedendolo in quella forma, e rimanendo op­pressa da gran dolore, sconsolata, e afflit. ta l’accompagnaste al Calvario. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

10. Ve ne prego, Maria Santissima, per quel puro, innocente, e benedetto San­gue che Gesù, vostro Figliuolo, versò e sparse da tutto il suo Santissimo Corpo,

quando fu spogliato per essere posto in Croce, rinnovandosi allora tutte le sue pia. ghe, e battiture. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe. rite, e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

11. Ve ne supplico, Maria Santissima, per quel puro, innocente, e benedetto San­gue che Gesù, vostro Figliuolo, versò e sparse dalle sue santissime mani e piedi, quando fu confitto in Croce con durissi­mi e pungentissimi chiodi. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel* Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

12. Ve ne prego, Maria Santissima, per quel puro, innocente, e benedetto San­gue che Gesù, vostro Figliuolo, versò e sparse per tutto il santo legno della Croce, quando fu elevato in alto sopra la mede­sima. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

13. Ottenetemelà, Maria Santissima, per quel puro, innocente, e benedetto San. gue che Gesù, vostro Figliuolo, versò e sparse sopra il vostro santissimo manto, mentre voi oppressa dal dolore ve ne sta­vate a piè del vostro Crocifisso Gesù. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel Sangue che da ‘Gesù grondarono, di merito infinito.

 

14. Intercedetemi, Maria Santissima, per quel puro, innocente, e benedetto San­gue che Gesù, vostro Figliuolo, versò e sparse sopra i panni di S. Giovanni Evan­gelista, e della Maddalena, che piangendo se ne stavano ai piedi del Crocifisso loro Maestro. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

15. Esauditemi, purissima Vergine e Madre, Maria, per quel puro, innocente, e benedetto Sangue che Gesù, vostro Figliuo­lo, versò e sparse in tutta la sua vita e Passione e, specialmente esauditemi per quel dolcissimo, sacrosanto e santissimo Sangue ed acqua, che versò il suo sacro­santo Costato, quando dalla cruda spietata Lancia, fin dopo morto gli fu ferito, e spalancato il petto. Per quel.Sangue pu­rissimo concedetemi, o pietosa Vergine Ma­ria, la grazia che vi domando; ottenete­mela, perché ve ne prego, supplico, e scon­giuro per il dolcissimo Sangue di Gesù, vostro Figliuolo; e per quel Sangue Pre. ziosissimo, il quale io profondamente ve­nero ed adoro, esauditemi pietosa Vergine Maria, Amen. Ave Maria, ecc.

O Vergine Maria, vi prego per le fe­rite, e per le stille di quel Sangue che da Gesù grondarono, di merito infinito.

 

Ora ricorrerai all’intercessione di tutti gli Angeli e Santi, perché preghino la SS. Ver­gine a concedere la grazia che domandi, dicendo nella forma che segue

 

S. Michele, S. Gabriele, S. Raffaele, An­gelo mio Custode,

e voi tutti Angeli, Arcangeli, Troni, Dominazioni, Principati, Potestà, Virtù, Cherubini e Serafini, impetratemi colle vo­stre sante preghiere presso Maria SS.ma grazia che domando per il Sangue di Ge­sù; ve ne prego, e scongiuro per la Passione di Gesù Cristo, per i meriti del qua­le, scacciati e precipitati i ribelli e superbi., rimaneste in Cielo.

S. Giuseppe, S. Giovanni Battista,

e voi tutti Patriarchi e Profeti, prega­te per me Maria Santissima, e intercede­temi la grazia che domando per il Sangue, e la Passione di Gesù.

S. Pietro, S. Paolo,

S. Andrea, S. Giacomo, S. Giovanni, S. Tommaso, S. Giacomo, S. Filippo, S. Bartolomeo, S. Matteo, S. Simone, S. Taddeo, S: Mattia, S. Barnaba,

S. Luca, S. Marco,

e voi tutti Santi Apostoli, Evangelisti, e Discepoli del Signore, pregate per me Maria Santissima, e intercedetemi la gra­zia che domando per il Sangue di Gesù.

Ss. Innocenti, S. Stefano, S. Lorenzo, S. Vincenzo, Ss. Fabiano e Sebastiano, Ss. Giovanni e Paolo, Ss. Cosma e Damiano, Ss. Gervasio e Protasio,

e voi tutti Santi Martiri, che per amor di Gesù spargeste il sangue, pregate per me Maria Santissima, e intercedetemi la grazia, che domando per il Sangue e la Passione di Gesù.

S. Silvestro, S. Gregorio, S. Ambrogio, S. Agostino, S. Girolamo, S. Martino, S. Nicola,

e voi tutti Santi Dottori, Pontefici, e Confessori, pregate per me Maria Santissi. ma, e intercedetemi la grazia, che doman­do per il Sangue e la Passione di Gesù.

S. Antonio, S. Bernardo, S. Domenico, S. Francesco,

e voi tutti Santi Monaci, Eremiti, e Sacerdoti, pregate per me Maria Santissi­ma, e intercedetemi la grazia, che doman­do per il Sangue e la Passione di Gesù.

S. Anna, S. Maria Maddalena, S. Agata, S. Lucia,

S. Agnese, S. Cecilia,

S. Caterina, S. Anastasia,

e voi tutte Sante Vergini e Vedove, pre­gate per me Maria Santissima, e interce­detemi la grazia, che domando per il, San­gue e la Passione di Gesù.

O Santi tutti, e Sante di Dio, Cittadini del Cielo, abitatori Celesti, Contemplato ri della divina faccia, pregate per me la vostra Imperatrice e Regina Maria Santis­sima, e intercedetemi la grazia, che doman­do per il Sangue, in virtù del quale, siete colassù saliti.

A voi ancora ricorro, Anime sante del Purgatorio, affinché preghiate per me Ma­

ria Santissima, e m’intercediate la grazia, che domando per il Sangue, e la Passione di Gesù, né mi abbandoniate in questo mio grave bisogno; poiché ve ne prego, supplico e scongiuro, specialmente per quel Sangue preziosissimo che il mio e vostro Redentore Gesù versò dalle sue cinque principalissime piaghe, che io profondamen­te venero e adoro con questi cinque Pater, Ave e Gloria, che ora recito in memoria delle medesime, applicandoli ben di cuore in vostro suffragio, e per ottenere per me la grazia, che domando alla pietosissima Vergine Maria, che per i meriti, e virtù del Sangue Preziosissimo del Santissimo Figliuolo Gesù, sparso da tutto il suo Sa­cratissimo Corpo, e dalle sue Sacratissime Piaghe, si degni concedermela, come spero. Amen. 


Si recitano ora le preghiere alle cinque Piaghe.
 


ADORAZIONE E PREGHIERE IN ONORE DELLE CINQUE SS. PIAGHE DI N. S. GESU’ CRISTO

Ti adoriamo, o Cristo e ti benediciamo. Perché con la tua Santa Croce hai re­dento il mondo.

Alla Piaga della Mano sinistra.

Io adoro, e bacio, pazientissimo mio Gesù, la Piaga della vostra mano sinistra, e vi prego per questa santissima Piaga, che mi liberiate in morte dalle pene dell’inferno col concedermi in vita il timore di quelle. Pater, Ave e Gloria.

 

Alla Piaga della Mano destra.

Io adoro e bacio, benignissimo Gesù, la piaga della vostra mano destra, e vi pre­go per questa preziosissima Piaga, che nel­l’ora della mia morte, mi diate con que­sta stessa mano la Benedizione degli Elet­ti, e mi apriate le porte del Paradiso. Pater, Ave e Gloria.

 

Alla Piaga del Piede destro.

Io adoro e bacio, misericordiosissimo mio Gesù, la Piaga del vostro Piede de­stro, e vi prego per questa adorabilissima Piaga che mi diate il dono della perseve­ranza, non solo liberandomi dal cader in nuovi peccati, ma dandomi forza e fervore, di avanzarmi sempre nelle sante virtù sino alla morte. Pater, Ave e Gloria.

 

Alla Piaga del Piede sinistro.

Io adoro e bacio, dolcissimo mio Gesù, la Piaga del vostro Piede sinistro, e vi prego per questa veneranda Piaga, che vi degniate di concedermi la remissione di tut­ti i miei peccati colla perfetta contrizione, massime nell’ora della mia morte. Pater, Ave e Gloria.

 

Alla Piaga del Santissimo Costato.

lo adoro e bacio, amabilissimo mio Ge­sù, la Piaga del vostro Sacratissimo Costa­to, e vi prego per questa dolcissima Piaga, che se Voi siete morto per il mio. amore, non mi lasciate vivere più ingrato, e senza il vostro perfetto e santo Amore e grazia. Pater, Ave e Gloria. 

Madonna del Carmelo

16 Luglio
Madonna del Carmelo
Fiore del Carmelo, vite feconda, splendore del Cielo
O Vergine Maria, dolce Madre purissima, Stella del mare,
sii propizia ai cristiani.
O Radice di Jesse, che hai germinato il fiore Gesù, a noi concedi di starti vicino.
Tu, che cresci come un giglio fra le spine, conserva puri i nostri deboli cuori.
Forte armatura, la’ dove infuria la dura lotta offri a difesa lo Scapolare.
Per noi incerti della via Tu sei la guida; a noi provati concedi consolazione.
O dolce Madre, Signora nostra, colma del gaudio di cui sei piena i figli Tuoi.
O chiave e porta del Paradiso, fa che giungiamo dove di gloria sei coronata.
Amen
Nella recita del Santo Rosario di oggi, possiamo offrire queste litanie carmelitane che celebrano la Beata Vergine Maria, Madre di Dio, Bellezza e Splendore del Carmelo, cantandone i benefici e vedendola brillare come segno di speranza e di consolazione.

Signore, pietà    Signore, pietà
Cristo, pietà     Cristo, pietà
Signore, pietà     Signore, pietà
Cristo, ascoltaci    Cristo, ascoltaci
Cristo, esaudiscici     Cristo, esaudiscici
Padre del cielo, che sei Dio    abbi pietà di noi
Figlio, Redentore del mondo, che sei Dio    abbi pietà di noi
Spirito Santo, che sei Dio     abbi pietà di noi
Santa Trinità, unico Dio     abbi pietà di noi

Santa Maria    prega per noi
Santa Madre di Dio    prega per noi
Santa Maria del Monte Carmelo    prega per noi
Santa Maria dello Scapolare    prega per noi
Madre di Cristo    prega per noi
Madre mite     prega per noi
Madre dolce    prega per noi
Madre e Signora del Carmelo     prega per noi
Madre che ascolta i figli     prega per noi
Madre propizia con i figli     prega per noi
Madre che ci consola nell’esilio     prega per noi
Madre che ci protegge nell’ora della morte     prega per noi
Madre sempre Vergine     prega per noi
Vergine purissima    prega per noi
Vergine immacolata     prega per noi
Vergine intemerata     prega per noi
Vergine singolare     prega per noi
Vergine in ascolto della Parola     prega per noi
Patrona nostra dolcissima     prega per noi
Sorella nostra amabile     prega per noi
Maestra nostra sapiente     prega per noi
Mistica stella del Monte Carmelo     prega per noi
Fiore del Carmelo     prega per noi
Vite in fiore     prega per noi
Splendore del cielo     prega per noi
Stella del mare     prega per noi
Luce nella notte dello spirito     prega per noi
Ceppo di Jesse che fiorisce     prega per noi
Giglio cresciuto tra le spine     prega per noi
Terra di Dio     prega per noi
Piena della grazia divina     prega per noi
Eletta sposa di Dio    prega per noi
Dimora del Verbo Incarnato     prega per noi
Via retta che conduce al cielo     prega per noi
Guida sicura al monte che è Cristo     prega per noi
Chiave e porta del paradiso     prega per noi
Vello bagnato della rugiada divina     prega per noi
Decoro del Carmelo     prega per noi
Rosa fragante     prega per noi
Profumo del Carmelo     prega per noi
Modello dei Carmelitani     prega per noi
Modello dei contemplativi     prega per noi
Fertile giardino del Monte Carmelo     prega per noi
Pioggia ristoratrice nella siccità     prega per noi
Forte armatura contro il male     prega per noi
Scudo di salvezza     prega per noi
Elmo di speranza     prega per noi
Corazza di giustizia     prega per noi
Rimedio del peccato     prega per noi
Nostra avvocata     prega per noi
Scudo contro i dardi del nemico     prega per noi
Regina del silenzio     prega per noi
Regina di tutti i santi carmelitani     prega per noi
Regina di tutti i martiri carmelitani     prega per noi
Regina di tutti i mistici carmelitani     prega per noi

Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo     perdonaci, o Signore
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo     ascoltaci, o Signore
Agnello di Dio, che togli i peccati del mondo     abbi pietà di noi

Prega per noi Madre e decoro del Carmelo
E saremo fatti degni delle promesse di Cristo

Preghiamo.O Dio, che hai onorato l’Ordine del Carmelo col titolo glorioso della beata Vergine Maria, Madre del tuo Figlio, concedi a noi, che ne celebriamo la bellezza, di poter giungere, forti del suo aiuto, alla vetta del Monte che è Cristo Signore. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.